Loading
Email Automation Marketing Ecommerce

Email Automation Marketing per E-Commerce: 4 E-Mail Must Have

In media, meno del 2% dei visitatori effettua un acquisto la prima volta che visita un sito e-commerce. Se non adotti correttamente gli accorgimenti base per un’efficace email automation marketing per e-commerce significa che stai letteralmente dicendo “no, grazie” a una quantità di soldi che non ti diremo a quanto ammonta, per il tuo bene.

Ecco quindi quattro esempi di email automation che devi far tuoi e del tuo e-commerce, se vuoi che la tua attività tragga davvero beneficio dagli sforzi di marketing che fai a monte.

 

Email di Abbandono del Carrello

Iniziamo dalla più semplice.

A seconda del settore, l’abbandono dei carrelli online va dal 60% all’80%. Ciò significa che per ogni 100 persone che aggiungono oggetti al proprio carrello, fino a 80 non completeranno l’ordine.

Quando si parla di migliaia di euro al giorno versati sugli annunci e nelle attività di marketing in genere, qualsiasi aiuto dall’email automation può migliorare nettamente il marketing del tuo e-commerce. A cominciare dalle cose più semplici come queste.

Servizi e-mail come Klaviyo inviano e-mail a chiunque aggiunga articoli al proprio carrello, ma non effettui il check-out: l’email servirà come promemoria. Un’altro servizio simile, ma più orientato al marketing su Facebook attraverso la piattaforma Messenger è Recart.

Il servizio online di consegna del cibo a domicilio nella zona di Bangkok Paleo Robbie, per esempio, invia un’email a chiunque aggiunga articoli al carrello ma non completi l’ordine entro due ore. L’email mostra gli articoli lasciati nel carrello, inserendo una Call To Action direttamente alla pagina di checkout.

Dimenticarsi del carrello è una cosa tanto comune, ma non del tutto ingiustificata. Ricorda che la maggior parte delle persone visita siti Web su dispositivi mobili, per cui una notifica di Facebook, un messaggio su WhatsApp, una chiamata o un evento accaduto nella situazione in cui si trovano potrebbe averli distratti dal completare l’ordine.

 

Email Automation sull’E-Commerce per Dare il Benvenuto al Cliente

Comunemente note come “welcome series” ai marketer angolofoni (e non solo), si tratta di una serie di e-mail di benvenuto che il nuovo iscritto al tuo sito dovrebbe ricevere subito dopo aver concluso la propria iscrizione (indipendentemente dal fatto che abbia effettuato un ordine o meno).

Uno dei principali motivi per cui un nuovo potenziale cliente potrebbe non voler acquistare nel tuo negozio è che, semplicemente, non ha fiducia in te o gli mancano le informazioni minime che reputa necessarie per andare sul sicuro. Una welcome series informa i potenziali clienti di tutto quel che riguarda il tuo e-commerce, i suoi valori, la sua mission e anche offerte e promozioni attive per il primo acquisto.

Alcuni brand completano l’email con un’offerta di sconto che può arrivare addirittura al 50%. Ricorda che, comunque, la finalità dell’email automation dell’e-commerce, in questo caso, non è primariamente la fruizione dell’offerta da parte del cliente, quanto lasciare un ricordo chiaro e una sensazione di affidabilità e familiarità al nuovo iscritto, nella prospettiva di acquisti futuri.

Se hai un brand e una storia forti o alcune caratteristiche uniche che altri non possono vantare, allora sfruttali nella tua email di benvenuto.

Ci sono molti modi in cui puoi controllare il messaggio della tua email di benvenuto. Se chiedi ai visitatori di darti il ​​loro indirizzo email per un voucher, allora sarà saggio mostrare all’interno di essa i tuoi migliori prodotti, per dargli subito un valido motivo per utilizzarlo (prima che se ne dimentichino!).

 

Email Automation orientato all’Upselling

A seconda del servizio di posta elettronica che utilizzi, ci sono diversi modi con cui puoi fare upselling con i tuoi clienti.

Alcuni store, per esempio, accompagnano l’email di abbandono del carrello a un‘e-mail di upselling.

Altri e-commerce mandano un’email di upselling appena dopo l’ordine, dando al cliente l’opportunità di aggiungere articoli extra in pochi semplici clic.

Il già citato Klaviyo mette in atto un’intelligente strategia di email marketing automation per e-commerce, perché incrocia efficacemente e in automatico le vendite e l’upselling nelle varie fasi del percorso del cliente.

 

Win Back E-mail: Riconquistare i Clienti che Ti Hanno Perso di Vista

Non importa quanto siano eccezionali i tuoi prodotti o i tuoi servizi, a un certo punto i tuoi clienti smetteranno di acquistare nel tuo e-commerce.

Forse hanno trovato un’offerta migliore, o forse la vita ha bussato loro alla porta e si sono dimenticati di te.

Una serie di e-mail di Win Back è fatta per essere inviata a clienti che non acquistano nel tuo store da un certo periodo di tempo. L’obiettivo di questa email è, oltre che indurli a fare nuovi ordini, capire il perché del loro abbandono.

Usare sul tuo e-commerce l’email automation di Win Back ti aiuterà a riacquistare almeno parte di questi clienti perduti, che dovranno, a loro volta, ricavare un vantaggio dal loro ritorno: per questo, l’email dovrà comprendere un’offerta, per invogliare i clienti, e un sondaggio o un qualche modulo per ottenere un feedback sul motivo per cui se ne sono andati.

Per esempio, il noto Netflix chiede ai propri clienti di rispondere a un sondaggio nel momento nel quale essi disdicano il loro abbonamento, in modo da raccogliere più feedback possibili sul servizio che offrono.

Ricorda che il fattore fondamentale della serie Win Back è il tempismo.

Per non sbagliarlo, scopri quale è la frequenza di acquisto dei tuoi clienti e imposta l’email automation del Win Back quando i tuoi clienti si allontanano dal periodo medio di almeno una settimana o più.

Alcune aziende inviano le email a distanza di sei mesi o un anno, persino quando hanno una frequenza di acquisto molto breve. È troppo tardi: il cliente inattivo avrà già trovato qualcun altro o si sarà totalmente dimenticato di te.

 

Conclusione

L’email automation marketing per e-commerce deve essere studiato e pensato perché si adatti al meglio alla tua attività.

Tutte e quattro le strategie e-mail sopra descritte possono essere automatizzate e inviate quando un cliente si trovi in ciascuna delle specifiche situazioni.

Le e-mail automatizzate possono aiutarti a convertire i prospects in clienti, informare il tuo pubblico e soprattutto aumentare i loro acquisti.

Ricorda anche che per evitare di vanificare gli sforzi della tua strategia, inviando una serie di email per recuperare i clienti (e i carrelli) perduti per strada, è fondamentale che tu garantisca la migliore customer experience sul tuo e-commerce.

E il tuo e-commerce usa l’email marketing automation? È diverso da quello suggerito da noi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *